SACRO CUORE DI GESÙ

Cos’è la Solennità del Santissimo Cuore di Gesù?

Cos’è la solennità del Santissimo Cuore di Gesù?

È una festa mobile che onora il Sacro Cuore. Nel 1675, Gesù disse a Santa Margherita Maria Alacoque che voleva che la festa del Sacro Cuore fosse celebrata il venerdì dopo l’ottava del Corpus Domini. Nel 1856, la Festa del Sacro Cuore divenne una festa universale.

San Giovanni Paolo II, grande devoto del Sacro Cuore, disse: “Questa festa ci ricorda il mistero dell’amore di Dio per gli uomini di tutti i tempi”.

Cos’è il Santissimo Cuore di Gesù?

Il Cuore è il simbolo dell’amore umano. Questa devozione Cattolica onora il Sacro Cuore di Nostro Signore, attraverso il quale ci è stato manifestato l’amore eterno di Dio per tutti. “Dio è Amore” (1 Giovanni 4:8), e così nell’onorare l’espressione umana di quell’Amore, specialmente sulla Croce, onoriamo la sua Fonte Divina.

Perché è importante il Sacro Cuore?

San Giovanni Paolo II ha detto: “Il Sacro Cuore ci ha dato tutto – redenzione, salvezza, santificazione.”

Il Sacro Cuore è il vero cuore di Cristo e indica anche il Suo amore per l’umanità. Il Catechismo della Chiesa Cattolica dice, “La preghiera della Chiesa venera e onora il Cuore di Gesù, come invoca il suo santissimo Nome. Essa adora il verbo incarnato e il suo cuore che, per amore degli uomini, si è lasciato trafiggere dai nostri peccati.” (CCC 2669)

Se non posso vedere lo splendore del tuo Volto o sentire la tua dolce voce, o mio Dio, posso vivere della tua grazia, posso riposare sul tuo Sacro Cuore!”

– Santa Teresa di Lisieux

Qual è la storia della devozione al Sacro Cuore?

Il fondamento della devozione del Sacro Cuore iniziò già ai tempi dei primi cristiani. La Sacra Scrittura, in particolare il Nuovo Testamento, menziona molte volte l’amore di Dio, e anche i Padri della Chiesa parlano dell’amore di Dio.

Nell’undicesimo secolo, i cristiani spesso meditavano sulle Cinque Piaghe di Gesù, e la devozione specifica al Sacro Cuore è nata da questi particolari raccoglimenti. Santa Gertrude la Grande, che ebbe rivelazioni private riguardanti il Sacro Cuore, aiutò ad approfondire la comprensione del Sacro Cuore di Gesù alla fine del XIII secolo.

Diversi secoli dopo, nel 1670, San Giovanni Eudes celebrò la prima festa del Sacro Cuore. Nel 1673, Santa Margherita Maria Alacoque, una suora francese della Visitazione, ricevette le proprie rivelazioni, in cui Gesù spiegava il Suo amore per tutti gli uomini, permettendo persino a Santa Margherita di appoggiare la testa sul Suo Cuore, come aveva permesso anche a Santa Gertrude. Egli chiese che i cattolici ricevessero la Santa Comunione i primi venerdì del mese e lo adorassero nella Santa Eucaristia.

Nel 1675, Gesù disse a Santa Margherita che voleva una festa annuale in onore del Suo Sacro Cuore. Nel 1856, il Beato Papa Pio IX designò che la Festa del Sacro Cuore sarebbe stata celebrata universalmente il Venerdì dopo l’ottava del Corpus Domini di ogni anno.

“Nel Sacro Cuore è nascosto ogni tesoro di saggezza e di conoscenza. In quel Cuore Divino batte l’amore infinito di Dio per tutti, per ognuno di noi individualmente”.

– Santo Giovanni Paolo II

Perché il Cuore di Gesù è in fiamme?

Gesù disse a Santa Margherita Maria: “Il mio Sacro Cuore è così intenso nel suo amore per gli uomini, e per te in particolare, che non potendo contenere al suo interno le fiamme della sua ardente carità, esse devono essere trasmesse con ogni mezzo”.

Santa Gertrude la Grande disse: “O Sacro Cuore di Gesù, fonte di vita eterna, il Tuo Cuore è una fornace ardente d’Amore. Tu sei il mio rifugio e il mio santuario. O mio adorabile e amoroso Salvatore, consuma il mio cuore con il fuoco ardente di cui è infiammato il Tuo. Versa sulla mia anima le grazie che scaturiscono dal Tuo amore. Fa’ che il mio cuore sia unito al Tuo. Fa’ che la mia volontà sia conforme alla Tua in ogni cosa. Che la Tua Volontà sia la regola di tutti i miei desideri e azioni.

Amen”.

Perché Gesù indica il Suo Cuore?

Nelle immagini del Sacro Cuore, Gesù di solito indica il Suo Cuore. Questo per indicare il Suo amore eterno per ognuno di noi.

Cos’è la devozione del Primo Venerdì?

Gesù stesso ha iniziato la devozione del Primo Venerdì. L’ultima delle dodici promesse del Sacro Cuore, disse, “Io prometto nell’eccesso della misericordia del mio Cuore che il mio amore onnipotente concederà a tutti quelli che si comunicheranno il primo venerdì del mese per nove mesi consecutivi la grazia della penitenza finale. Essi non moriranno in mia disgrazia, né senza ricevere i Sacramenti, e il mio Cuore sarà loro rifugio sicuro in quell’ora estrema.”

VIDEOS ON THE SACRED HEART

Come posso consacrare me stesso al Sacro Cuore di Gesù?

Santa Margherita Maria Alacoque ci ha dato questo Atto di Consacrazione al Sacro Cuore di Gesù:

Io (nome e cognome) dono e consacro al Cuore adorabile di nostro Signore Gesù Cristo la mia persona e la mia vita, (la mia famiglia/il mio matrimonio), le mie azioni, pene e sofferenze, per non voler più servirmi d’alcuna parte del mio essere, che per onorarlo, amarlo e glorificarlo. È questa la mia volontà irrevocabile: essere tutto suo e fare ogni cosa per suo amore, rinunciando di cuore a tutto ciò che potrebbe dispiacergli.

Ti scelgo, o Sacro Cuore, come unico oggetto del mio amore, come custode della mia via, pegno della mia salvezza, rimedio della mia fragilità e incostanza, riparatore di tutte le colpe della mia vita e rifugio sicuro nell’ora della mia morte.

Sii, o Cuore di bontà, la mia giustificazione presso Dio, tuo Padre, e allontana da me la sua giusta indignazione.

O Cuore amoroso, pongo tutta la mia fiducia in te, perché temo tutto dalla mia malizia e debolezza, ma spero tutto dalla tua bontà.

Consuma, dunque, in me quanto può dispiacerti o resisterti; il tuo puro amore s’imprima profondamente nel mio cuore, in modo che non ti possa più scordare o essere da te separato.

Ti chiedo, per la tua bontà, che il mio nome sia scritto in te, poiché voglio concretizzare tutta la mia felicità e la mia gloria nel vivere e morire come tuo servo.

Amen”.

“Non dobbiamo mai scoraggiarci né abbandonarci alle preoccupazioni… ma affidarci sempre al Cuore adorabile di Gesù”

– Santa Margherita Maria Alacoque

Cos’è l’intronizzazione al Sacro Cuore?

Padre Mateo Crawley-Boevey, un sacerdote cileno del 20° secolo che ha speso la sua vita per l’intronizzazione del Sacro Cuore, ha detto: “L’intronizzazione è il riconoscimento ufficiale e sociale del dominio del Sacro Cuore di Gesù sulla famiglia cristiana, un riconoscimento affermato, espresso esteriormente e reso permanente dalla solenne installazione dell’immagine del divino Cuore in un luogo visibile della casa e dall’Atto di Consacrazione”.

Chi è la Santa Patrona dei devoti al Sacro Cuore?

Santa Margherita Maria Alacoque è la Santa Patrona dei devoti del Sacro Cuore di Gesù.

Vuoi avere qualche informazione in più su questa Santa? Leggi qui:

SANTA MARGHERITA MARIA ALACOQUE

C’è relazione tra il Sacro Cuore di Gesù e l’Immacolato Cuore di Maria?

I cuori di Maria e di Gesù sono profondamente intrecciati. La Beata Vergine ha dato il suo consenso al piano divino di redenzione (Lc. 1,38), e Nostro Signore lo ha voluto e realizzato. Così, questi due Cuori non possono mai essere separati. La Serva di Dio Lúcia dos Santos, una delle veggenti di Fatima, si espresse così: “[Mentre Gesù era nel seno di Maria], il Cuore di Cristo batteva all’unisono con il Cuore di Maria”.

La festa del Cuore Immacolato di Maria è sempre il giorno dopo la solennità del Sacro Cuore di Gesù.